Riabilitazione con fiori e piante per coltivare sé stessi

La cura del verde è da tempo parte integrante di alcuni laboratori nei Centri della Fondazione: si semina, si annaffia, si raccolgono prodotti che diventano aromi per le pietanze o fiori per abbellire i giardini dei reparti, con un’azione terapeutica molto importante nei confronti di persone con disabilità. L’attività nel verde permette infatti la cura dell’ansia attraverso la stimolazione di tutti i sensi, oltre a favorire l’inclusione sociale e la relazione.

Per sviluppare questo filone di terapia, al Centro S. Maria Nascente di Milano è nato un nuovo progetto: la creazione di un’area verde destinata alle attività in esterno del centro diurno per disabili che prevede la divisione degli spazi secondo tre funzioni diverse: L’area delle coltivazioni prevede la realizzazione di due aree all’ingresso, una per la coltivazione delle erbe officinali e una per la coltivazione dei fiori. Al centro di queste verrà realizzata una lunga aiuola rialza-ta per la coltivazione degli ortaggi.

Nel cortile interno saranno realizzate altre aiuole rialzate adibite ad orto, mentre nello spazio circolare esistente, saranno collocate fioriere in legno rialzate come orto accessibile anche a persone con disabilità o da chi voglia lavorare da seduto. La terza area sarà invece attrezzata per fare attività di tipo artistico: lettura, teatro, pittura

Una donazione può cambiare una vita

Per procedere inserisci nome, cognome e indirizzo email. Se vuoi essere aggiornato in tempo reale via sms, ricevere l'attestato di donazione via posta e conoscere gli eventi della tua città inserisci anche l'indirizzo e telefono.


MF

PayPal e Carte di CreditoBonifico Bancario
ho letto l'informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di comunicazioni e riviste istituzionali della Fondazione, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo, la Rivista missione Uomo e/o il Notiziario Amis, newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione in modalità profilata, ossia tenendo conto delle mie specifiche esigenze ed interessi, tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

 

Agevolazioni fiscali

Si può dedurre dal reddito le donazioni in denaro, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito le donazioni in denaro per un importo non superiore a 30.000 euro. Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, puoi rivolgerti al tuo consulente di fiducia, al tuo commercialista o al tuo CAF.
Si può detrarre dall'imposta lorda il 30% dell'importo donato (e non più solo del 26%), fino a un massimo di erogazione di 30.000 euro annui (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito complessivo netto le donazioni in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017).
Condividi su:  

Seguici su: