CONTESTO

La Bolivia, con un Indice di Sviluppo Umano pari a 0,663, è stata collocata dal Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo al 108° posto sui 187 paesi censiti. Il 51,3% della sua popolazione vive sotto la soglia di povertà nazionale e gran parte di essa non riceve un’adeguata assistenza socio sanitaria. Il 15% della popolazione totale presenta disabilità, ma il sistema sanitario del Paese non prevede alcun programma specifico di assistenza e non valorizza adeguatamente i diritti fondamentali delle persone disabili la maggioranza dei quali vive in condizioni di indigenza economica e di emarginazione sociale.

BISOGNO

Nella Regione di Cochabamba sono presenti più di 300 mila persone con disabilità escluse a livello sociale, sanitario e politico. Il progetto supporta gli uffici municipali di attenzione alla disabilità, le famiglie e le associazioni locali di disabili nel promuovere la prevenzione e inclusione delle persone disabili attraverso la sensibilizzazione alla consapevolezza e alla formazione.

Strategie di inclusione nei servizi socio-sanitari e scolastici – Modelli operativi per accompagnare il bambino con disabilità in Bolivia (SI-AD)

Cofinanziato dalla Agenzia Italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (AICS)

Partner: Volontariato Internazionale per lo Sviluppo (VIS); CBM Italia Onlus
Partner locali: Asociación Tukuy Pacha TP; Escuelas Populares de Don Bosco EPBD; Fundación San Ignacio de Loyola FUNDASIL; Centros Educativos de la Iglesia Local CEIL; Universidad Salesiana de Bolivia USB

Luogo: Dipartimento di Cochabamba, Cochabamba Cercado (zona sud), Colcapirhua, Punata, San Benito, Tiquipaya

La Fondazione Don Gnocchi nel giugno 2018 ha dato il via al progetto triennale – cofinanziato da AICS con un contributo di € 945.763,58 – volto ad applicare in modo partecipativo, e sperimentare in maniera efficace e replicabile, la strategia dell’OMS di Riabilitazione su Base Comunitaria-RBC potenziando la risposta sociale, sanitaria ed educativa a favore delle persone con disabilità.

===============

Rafforzamento del sistema pubblico e comunitario per la prevenzione della disabilità e l’integrazione socio-sanitaria delle persone disabili nella regione di Cochabamba

INSERIRE SLIDESHOW

Progetto cofinanziato da fondi propri e oblazioni.

Partner locale: Asociación Tukuy Pacha

Collaborazioni: Pastoral Social Caritas di Cochabamba

La Fondazione Don Gnocchi ad aprile 2013 ha avviato un progetto nei municipi di Capinota, Tiquipaya, Colcapirhua, Punata e San Benito nella regione di Cochabamba, per imprimere un cambiamento nell’approccio alla disabilità e migliorare l’accesso all’assistenza socio-sanitaria e riabilitativa per le persone disabili.

AREE DI INTERVENTO

L’iniziativa s’inserisce in una logica di “Riabilitazione su Base Comunitaria”, metodologia di intervento promossa dall’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS), in grado di sostenere uno sviluppo comunitario per la riabilitazione, per le pari opportunità e l’integrazione sociale delle persone disabili appartenenti alle comunità cui l’azione si rivolge.

Tre i risultati prefissati:

  • informare, sensibilizzare e formare le comunità sulla prevenzione alla disabilità e l’inclusione socio-sanitaria nei confronti delle persone disabili;
  • garantire un servizio di prevenzione alla disabilità, prestazioni mediche adeguate ai pazienti disabili ed un idoneo servizio di orientamento per l’assistenza riabilitativa presso le strutture sanitarie dislocate nelle comunità;
  • promuovere l’inclusione nella pianificazione territoriale di attività di prevenzione alla disabilità ed azioni volte alla stimolazione dell’integrazione delle persone disabili da parte del personale delle istituzioni municipali e regionali del settore sanitario.

DESTINATARI

I beneficiari sono le persone disabili residenti nei municipi di Capinota, Tiquipaya, Colcapirhua, Punata e San Benito, le associazioni dei disabili dei singoli Municipi, il Servizio Dipartimentale di Salute e la Federazione Cochabambina di Persone con Disabilità. Indirettamente tutta la popolazione della regione di Cochabamba gode dei benefici del progetto.

Una donazione può cambiare una vita

Per procedere inserisci nome, cognome e indirizzo email. Se vuoi essere aggiornato in tempo reale via sms, ricevere l'attestato di donazione via posta e conoscere gli eventi della tua città inserisci anche l'indirizzo e telefono.


MF

PayPal e Carte di CreditoBonifico Bancario
ho letto l'informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di comunicazioni e riviste istituzionali della Fondazione, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo, la Rivista missione Uomo e/o il Notiziario Amis, newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione in modalità profilata, ossia tenendo conto delle mie specifiche esigenze ed interessi, tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

 

Agevolazioni fiscali

Si può dedurre dal reddito le donazioni in denaro, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito le donazioni in denaro per un importo non superiore a 30.000 euro. Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, puoi rivolgerti al tuo consulente di fiducia, al tuo commercialista o al tuo CAF.
Si può detrarre dall'imposta lorda il 30% dell'importo donato (e non più solo del 26%), fino a un massimo di erogazione di 30.000 euro annui (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito complessivo netto le donazioni in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017).
Condividi su:  

Seguici su: