Consolidamento di un servizio di riabilitazione presso l'ospedale di negozi e formazione del personale locale

Progetto:

cofinanziato da fondi propri e oblazioni

Partner locale:

Ospedale di Ngozi

Collaborazioni:

  • Ministero della Sanità del Burundi
  • Comune di Ngozi
  • Università di Ngozi
  • Università degli Studi di Verona
  • Fondazione Pro Africa

Grazie all’apporto della Fondazione Don Gnocchi, nel 2012 è stato inaugurato un servizio di riabilitazione che fornisce una media di 400 prestazioni al mese. Sono, inoltre, state avviate sessioni formative indirizzate ai medici ed infermieri, che hanno permesso all’ospedale di promuovere concetti riabilitativi trasversali ed avviare un meccanismo strutturato di riferimento per i pazienti al servizio riabilitativo. Sono state quindi avviate sinergie con altri ospedali della zona, che inviano i pazienti a Ngozi per la presa in carico post-operatoria e post-traumatica. Nella seconda metà del 2018, grazie al supporto finanziario, logistico e gestionale di Fondazione, è stata avviata la costruzione di un nuovo reparto dell’Ospedale di Ngozi dedicato alla degenza riabilitativa. Il reparto è stato inaugurato nel Gennaio 2019 ed è oggi pienamente operativo.

CONTESTO:

La Repubblica del Burundi, secondo il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, si trova al 178° posto sui 186 Paesi censiti. Più dell’80% della popolazione vive in situazione di povertà e il Paese si trova ad affrontare il difficile compito di rilanciare l’economia nazionale e risolvere i gravi problemi sociali che colpiscono la popolazione. Nel Paese opera un medico ogni 30 mila abitanti e 8 figure professionali del settore sanitario ogni 10 mila residenti.

BISOGNO:

L’azione si inserisce all’interno di un contesto dove i servizi sanitari non riescono a rispondere alle esigenze riabilitative della popolazione per scarsità di figure professionali preparate. Basso infatti è il numero di scuole e università destinate alla formazione in Fisioterapia, disciplina che non era ancora riconosciuta a pieno titolo nel Paese. Anche grazie al nostro lavoro,la Fisioterapia è stata ufficialmente riconosciuta come professione sanitaria nell’Ottobre 2017 dal locale Ministero della Salute.

AREE INTERVENTO:

Il progetto intende rispondere ai bisogni riabilitativi della popolazione della Regione di Ngozi, agendo su due diverse aree di intervento:

DESTINATARI:

I beneficiari del progetto sono i pazienti ricoverati presso l’ospedale e pazienti esterni, sia adulti che minori, con problemi sia ortopedici che neurologici. Il progetto mira anche a fornire delle competenze al personale locale attraverso un sistema di on the job training.

Una donazione può cambiare una vita

Per procedere inserisci nome, cognome e indirizzo email. Se vuoi essere aggiornato in tempo reale via sms, ricevere l'attestato di donazione via posta e conoscere gli eventi della tua città inserisci anche l'indirizzo e telefono.


MF

PayPal e Carte di CreditoBonifico Bancario
ho letto l'informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di comunicazioni e riviste istituzionali della Fondazione, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo, la Rivista missione Uomo e/o il Notiziario Amis, newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione in modalità profilata, ossia tenendo conto delle mie specifiche esigenze ed interessi, tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

 

Agevolazioni fiscali

Si può dedurre dal reddito le donazioni in denaro, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito le donazioni in denaro per un importo non superiore a 30.000 euro. Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, puoi rivolgerti al tuo consulente di fiducia, al tuo commercialista o al tuo CAF.
Si può detrarre dall'imposta lorda il 30% dell'importo donato (e non più solo del 26%), fino a un massimo di erogazione di 30.000 euro annui (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito complessivo netto le donazioni in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017).
Condividi su:  

Seguici su: