NUOVI APPROCCI ALLE PERSONE CON DISABILITÀ A YANGON E TAUNGGYI

Progetto finanziato da fondi propri e oblazioni

Partner locale: New Humanity Myanmar (NHM) NGO

Collaborazioni:

  • Dipartimento del Social Welfare del Ministero birmano
  • Associazione per l’amicizia Italia-Birmania “Giuseppe Malpel

Dopo aver seguito per anni con interesse l’evolversi della situazione in Myanmar e aver approfondito attentamente in particolare le condizioni socio-sanitarie del Paese, nel corso del 2019 Fondazione Don Carlo Gnocchi ha cominciato a operare sul campo in collaborazione con New Humanity, ONG locale attiva in Myanmar fin dal 2002 in ambito socio-sanitario ed educativo, con progetti in favore di persone con disabilità in varie località del paese, tra cui Yangon e Taunggyi.

CONTESTO

Il Myanmar (ex Birmania) sta attraversando un momento epocale del suo percorso di sviluppo, come dimostrano le grandi trasformazioni e le riforme politiche ed economiche intraprese in anni recenti. Fra i principali motori del più recente boom birmano, grazie anche alla revoca delle sanzioni economiche imposte dai Paesi occidentali, si annoverano la rapida crescita del commercio estero e l’aumento notevole delle entrate in valuta derivanti dal turismo, dagli investimenti diretti esteri e dagli aiuti pubblici allo sviluppo. Malgrado molti segnali positivi, comunque, il Paese tuttora resta fortemente segnato da vaste zone di arretratezza e da forti diseguaglianze socio-economiche. Il 37% della popolazione vive sotto la soglia della povertà, e i tre quarti degli indigenti sono concentrati nelle zone rurali. Il Myanmar si trova attualmente al 150° posto nella classifica dell’Indice di Sviluppo Umano (ISU) stilata dal Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP).

BISOGNO

A oggi almeno il 40% delle strutture sanitarie birmane non è funzionante. In generale le strutture ospedaliere locali sono in gran parte carenti e inadeguate con attrezzature obsolete e disponibilità di medicinali limitata. Le condizioni igienico-sanitarie del Paese sono precarie. Nel campo della riabilitazione, si segnala di origine traumatica la maggior causa di ospedalizzazione, per questa ragione è allo studio una specifica “Rehabilitation Law”. Ad oggi però risulta esistere un solo centro specializzato pubblico nel Paese, e anche dal punto di vista universitario esiste un solo Corso di Laurea in Fisioterapia in 2 Università (Yangon e Mandalay). Non esistono invece discipline specialistiche quali Terapia Occupazionale, Logopedia, Educazione Speciale, di conseguenza queste professionalità sono del tutto assenti nel Paese, così come mancano competenze verso le disabilità intellettive, in particolare autismo. In generale si nota una diffusa associazione della disabilità solo con la menomazione fisica, dal momento che sono assai frequenti i casi di amputazione.

AREE DI INTERVENTO

Diversamente da altri progetti di cooperazione internazionale di Fondazione Don Carlo Gnocchi, in corso o conclusi, la progettualità in Myanmar non va a beneficio di una sola struttura e non è localizzata in un’unica regione. Infatti, una delle finalità del progetto in collaborazione con New Humanity NGO è favorire un lavoro di rete sul campo tra i vari attori locali che, a diverso titolo, si occupano di disabilità nel Paese ma che spesso e volentieri non sono in contatto tra loro.

Queste le principali aree di intervento:

Formazione

  • Workshop frontali sulle tematiche della disabilità e della riabilitazione, volti alla gestione diretta dei pazienti, all’organizzazione dei servizi e alla formazione degli operatori;
  • Formazione “on the job” di medici e operatori delle locali strutture sanitarie e riabilitative, statali e non.

Riabilitazione

  • Visite diagnostiche da parte di personale medico e riabilitativo espatriato
  • Supporto tecnico-finanziario e implementazione del programma di Riabilitazione su Base Comunitaria avviato da NHM

DESTINATARI

I beneficiari del progetto sono:

  • PcD ospitate presso il DCC di Yangon e all’Holy Infant Jesus Seminary di Taunggyi;
  • PcD e familiari coinvolti nei programmi di RBC nelle aree rurali di Taunggyi e Kyaing Tong;
  • Personale medico, riabilitativo e socio-educativo di NHM, di altre ONG, associazioni locali e di strutture sanitarie locali

Una donazione può cambiare una vita

Per procedere inserisci nome, cognome e indirizzo email. Se vuoi essere aggiornato in tempo reale via sms, ricevere l'attestato di donazione via posta e conoscere gli eventi della tua città inserisci anche l'indirizzo e telefono.


MF

PayPal e Carte di CreditoBonifico Bancario
ho letto l'informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di comunicazioni e riviste istituzionali della Fondazione, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo, la Rivista missione Uomo e/o il Notiziario Amis, newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione in modalità profilata, ossia tenendo conto delle mie specifiche esigenze ed interessi, tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

 

Agevolazioni fiscali

Si può dedurre dal reddito le donazioni in denaro, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito le donazioni in denaro per un importo non superiore a 30.000 euro. Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, puoi rivolgerti al tuo consulente di fiducia, al tuo commercialista o al tuo CAF.
Si può detrarre dall'imposta lorda il 30% dell'importo donato (e non più solo del 26%), fino a un massimo di erogazione di 30.000 euro annui (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito complessivo netto le donazioni in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017).
Condividi su:  

Seguici su: