CHORTKIV: CENTRO DI ACCOGLIENZA PER BAMBINI DISABILI DIM MYLOSERDIA

Progetto cofinanziato da fondi propri e oblazioni

Partner locale: Centro di Accoglienza per bambini disabili “Dim Myloserdia” (“Casa della Misericordia”)

Il Centro, costruito su iniziativa del Vescovo locale e di proprietà della Diocesi di Buchach, è attivo dal 2016. Oggi accoglie un centinaio di minori con disabilità, prevalentemente intellettiva, sia in forma residenziale sia in trattamento ambulatoriale diurno. La Casa della Misericordia attualmente non è solo l’unica struttura nella regione per la presa in carico della disabilità in età evolutiva, ma anche un fondamentale centro di riferimento per una comunità piagata da alcolismo, violenza familiare, povertà estrema.

CONTESTO

L’Ucraina sta attraversando un periodo di grave e perdurante crisi economica che si accompagna a un clima di forte instabilità política, dovuta anche al conflitto armato con le milizie filo-russe nelle regioni orientali del Donbass, La Regione di Ternopil, nell’Ucraina sud-occidentale, non è toccata direttamente dagli scontri ma più o meno indirettamente ne subisce le conseguenze: sono molti infatti gli uomini che partono per il fronte abbandonando le famiglie e che, talvolta, tornano a casa gravemente feriti o menomati.

BISOGNO

Nel circondario di Chortkiv si segnala un alto numero di patologie congenite, dovute in parte ancora al disastro di Chernobyl (distante circa 500 km) e probabilmente anche alla diffusa sindrome feto-alcolica: in città sono noti 334 bambini entro i 18 anni con disabilità (di cui il 40% con patologia malformativa) su 12.000 minori totali. Considerato il contesto socio-economico e sanitario è evidente che si tratti di una stima per difetto. A Chortkiv sono presenti infatti solo 10 medici pediatri, l’unico specialista della riabilitazione pediatrica della regione si trova a Ternopil, pochi altri sono a Lviv e Kiev a centinaia di chilometri di distanza. Nella Casa della Misericordia i minori accolti soffrono di patologie quali rachitismo, disturbi dello spettro autistico, sindrome di Down, paralisi cerebrali infantili, ritardi nello sviluppo psico-fisico, disabilità mentale.

AREE DI INTERVENTO

Nel 2018 la Fondazione ha avviato un progetto di collaborazione con la Casa della Misericordia, volto all’accompagnamento a 360° del centro, in primo luogo per il miglioramento dell’aspetto sanitario-riabilitativo della presa in carico e la formazione professionale del personale, e parallelamente per migliorarne la gestione organizzativa e amministrativa.

Tre i principali ambiti di intervento:

  • formazione professionale degli operatori in ambito socio-sanitario, in particolari terapisti della riabilitazione ed educatori speciali;
  • accompagnamento nella presa in carico globale del minore disabile e della sua famiglia tramite l’affiancamento nei processi di riabilitazione física e sociale e consulenza specifica per un’adeguata prescrizione e gestione di ausili e protesi;
  • introduzione di un modello manageriale sanitario per la gestione e lo sviluppo del centro.

DESTINATARI

Beneficiario del progetto è il Centro “Dim Myloserdia” di Chortkiv inteso nel suo complesso, in modo particolare tutto il personale e i suoi pazienti. Tra i beneficiari indiretti risultano le famiglie degli assistiti, l’intera comunità circostante, nonché le istituzioni locali coinvolte direttamente.

Una donazione può cambiare una vita

Per procedere inserisci nome, cognome e indirizzo email. Se vuoi essere aggiornato in tempo reale via sms, ricevere l'attestato di donazione via posta e conoscere gli eventi della tua città inserisci anche l'indirizzo e telefono.


MF

PayPal e Carte di CreditoBonifico Bancario
ho letto l'informativa sulla privacy

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di comunicazioni e riviste istituzionali della Fondazione, quali a titolo esemplificativo e non esaustivo, la Rivista missione Uomo e/o il Notiziario Amis, newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Fondazione Don Gnocchi ONLUS con le modalità di contatto che ho scelto nel form di iscrizione per l'invio di newsletter, informazioni sulle iniziative di fundraising realizzate dalla Fondazione, attività della Fondazione, campagne di sensibilizzazione e sondaggi di opinione in modalità profilata, ossia tenendo conto delle mie specifiche esigenze ed interessi, tramite e-mail, con tecniche di tracciamento della mia interazione con tali comunicazioni, SMS, MMS, posta cartacea e chiamate telefoniche con operatore

 

Agevolazioni fiscali

Si può dedurre dal reddito le donazioni in denaro, per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito le donazioni in denaro per un importo non superiore a 30.000 euro. Se non sai qual è la soluzione più adatta a te, puoi rivolgerti al tuo consulente di fiducia, al tuo commercialista o al tuo CAF.
Si può detrarre dall'imposta lorda il 30% dell'importo donato (e non più solo del 26%), fino a un massimo di erogazione di 30.000 euro annui (art. 83 del Dlgs 117/2017) oppure dedurre dal reddito complessivo netto le donazioni in denaro per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato (senza più il tetto massimo di 70.000 euro annui), (art. 83 del Dlgs 117/2017).
Condividi su:  

Seguici su: