Come puoi cambiare la vita delle persone con disabilità

La storia della Fondazione nasce attraverso l’amore e il sostegno dei giovani con disabilità. È una storia fatta di passione, di cura amorevole, di vicinanza e costellata di gioia, allegria e spensieratezza nonostante la malattia invalidante. Quello stesso spirito, forte dell’esperienza sanitaria sviluppata, ci fa essere ancora oggi vicini al mondo della disabilità nelle sue diverse sfaccettature.

Ogni giorno sono migliaia i pazienti che entrano nelle nostre strutture per recuperare, in tutto o in parte, una situazione di svantaggio fisico e psichico.

Il supporto di Fondazione ai ragazzi e alle famiglie.

Quasi 300 persone sono accolte ogni giorno nei tre Centri della Fondazione Don Gnocchi di Milano (“S. Maria Nascente” e “Vismara”) e di Legnano (Centro Multiservizi) e accompagnate in percorsi socioeducativi altamente professionali, dove curare significa prendersi cura, dove ogni prestazione diventa relazione, dove ogni piccolo passo ha come obiettivo l’inclusione sociale, in una visione progettuale e di lungo termine.

A questi ragazzi e alle loro famiglie, gli operatori della “Don Gnocchi” offrono un prezioso supporto educativo-assistenziale per lo sviluppo delle capacità, l’autonomia, la formazione, gli inserimenti lavorativi, oltre a progetti sperimentali di appartamenti protetti, la gestione del tempo libero e iniziative sul “dopo di noi”, al venir meno dei riferimenti familiari.

Scrivere un Progetto Educativo per ciascuno di loro significa mettere insieme le competenze di chi osserva, analizza, valuta, studia il contesto, ma soprattutto sa ascoltare, di chi cerca di dar voce a bisogni e desideri dando fiducia alle potenzialità e forza alla speranza…

ADOTTA UN PROGETTO

Riabilitazione con fiori e piante
per coltivare sé stessi

Slider

I NOSTRI NUMERI

658 pazienti con disabilità assistiti nel 2018, di cui:

182

Adulti residenti

nei centri per disabili

della fondazione

65

Minori residenti

nei centri per disabili

della fondazione

207

Minori assistiti

in centri diurni continui/

percorsi scolastici

204

Adulti assistiti

in centri diurni

per disabili

DIAMO VOCE AI PROTAGONISTI

Terapista

“Affiancare i ragazzi e gli adulti con disabilità più o meno gravi, mi ricorda che ognuno dei nostri sensi è un bene preziosissimo e va tutelato.”

Ospite

“Il bello di essere assistiti in queste strutture è che hai l’opportunità di non sentirti mai diverso.”

Mamma di un ospite

“Si impara ad apprezzare quello che per gli altri può essere un granello di sabbia, invece per noi è una spiaggia intera.”

Condividi su:  

Seguici su: